Sei qui: Home News

news

Gangi tra i gioielli d’Italia

E-mail 

Gangi unico comune siciliano tra i gioielli d'Italia

gangi-gioiello2-2013Ennesimo riconoscimento per il comune di Gangi, da Borgo più Bello d'Italia a Gioiello d'Italia. 

E' l'unico comune siciliano ad aver avuto attribuito l'importante titolo dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento per gli affari regionali, turismo e sport e dall'Anci.
La cerimonia di consegna della targa "Comune gioiello d'Italia" si è svolta, ieri a Roma, a Palazzo Cornaro, a ritirarla, direttamente dalle mani del Ministro per gli affari regionali Piero Gnudi, è stato il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello ad accompagnare il primo cittadino, l'assessore Maria Rosaria Vena e il consulente alla cultura Roberto Franco.
Il Comune madonita ha ottenuto il riconoscimento per essersi distinto per attrattiva turistica e capacità di valorizzare di tradizioni e territorio, la commissione ha tenuto conto anche di altri importanti requisiti come: un patrimonio architettonico ambientale con piani particolareggiati e di recupero del centro storico, predisposto interventi e misure adottati per la mobilità interna e miglioramento della qualità urbana, la raccolta differenziata dei rifiuti e la presenza di centro commerciali naturali, ma anche un ottima ricettività alberghiera, punti di informazione e promozione turistica attraverso sito web e azioni di sensibilizzazione dei mass media, musei, aree archeologiche, biblioteche, parchi e riserve naturali, organizzazione di eventi culturali ed enogastronomici.
Tutti criteri necessari per promuovere il turismo di qualità esempio del "buon vivere" italiano, che contribuiscono ad incrementare le politiche di destagionalizzazione attraverso la valorizzazione del patrimonio ambientale, culturale, turistico, storico-urbanistico, architettonico ed enogastronomico. Il marchio "Gioiello d'Italia" e "Comune Gioiello d'Italia" servirà a promuovere l'Italian life style attraverso una rete d'eccellenza.
"Questo riconoscimento è l'ennesima medaglia d'oro per il nostro Comune, dopo quelli di Borgo più Bello d'Italia e di Comune turistico e a vocazione turistica - afferma il sindaco Giuseppe Ferrarello - Gangi entra in un altro importante circuito di promozione turistica, che ci vedrà protagonisti di una campagna promossa dal ministero per gli Affari regionali e dall'Anci e ci permetterà di promuovere il nostro territorio a livello nazionale e internazionale avendo come target il turista italiano e straniero desideroso di approfondire e conoscere luoghi meno noti della nostra bell'Italia, è stata una grande emozione ricevere dal ministro Piero Gnudi la targa Comune Gioiello d'Italia e stringere la mano al noto regista Ermanno Olmi presidente del comitato di valutazione".
I 21 Comuni Gioielli d'Italia, selezionati assieme a Gangi, sono: San Marco in lamis, San Benedetto Po, Specchia, Romagnese, Peschiera del Garda, Montecosaro, Cisternino, Castellabate, Bova, Bevagna, Campodimele, Castel'arquato, Gradara, Montescaglioso, Pienza, Sala Baganza, San Leo, Sermoneta, Spilimbergo e Etroubles.
Mercoledì 13 Febbraio 2013

Articolo tratto da: http://www.madonielive.com/index.php/news/load/19330

 

Altopiano di Gangi

E-mail 

ALTOPIANO DI GANGI

Il CENTRO GEOGRAFICO DELLA SICILIA

di Giuseppe Casamento

 

La ricerca geografica sulla Sicilia, attraverso l'osservazione cartografica, conduce alla individuazione del Centro Geografico della Sicilia in una località all'interno dell'Isola, dove coincidono il Centro Orografico, inteso come luogo di convergenza dei tre spartiacque primari siciliani, ed il Centro Idrologico, inteso come luogo di origine delle tre aste fluviali siciliane principali, quelle cioè che delimitano i tre territori siciliani che sottendono alle suddette linee spartiacque.

Tale luogo si riscontra nell'Altopiano di Gangi. E' là che si raccordano i maggiori rilievi dei sistemi montuosi relativi alle tre aree in cui la Sicilia è suddivisibile secondo la sua forma geometrica assimilabile ad un triangolo. Si tratta del massiccio delle Modonie, attestato all'estremità orientale del sistema montuoso della Sicilia Occidentale; della catena montuosa dei Nebrodi, attestata all'estremità occidentale del sistema montuoso della Sicilia Nord-Orientale, del quale sistema occupa una parte -consistente; e infine dell'altopiano dei Monti Erei, attestato nel settore nord-occidentale del sistema montuoso della Sicilia Sud-Orientale.

Ed è dalla stessa area che originano i solchi di scorrimento fluviale che delimitano le suddette aree. Si tratto dell'asta fluviale Simeto-Salso- Sperlinga, che separa la Sicilia Nord-Orientale dalla Sicilia Sud-Orientale, dell'asta fluviale Imera Meridionale-Salso-Gangi-Capuano, che separa la Sicilia Sud-Orientale dalla Sicilia Occidentale e dell'asta fluviale Pollina-Calabrò-Rainò, che separa la Sicilia Occidentale dalla Sicilia Nord-Orientale. Ciascuna di queste tre aste fluviali presenta almeno un impluvio che risale in direzione del centro idrologico.

Per maggiore precisione, il luogo dell'Altopiano di Gangi dove si riscontra il centro geografico della Sicilia va individuato alla quota altimetrica di circa 930 m s.l.m., alla base dello spigolo sudorientale del piccolo rilievo denominato Rupe Rossa, alto m 999, in contrada Soprano. Questo rilievo si situa all'interno di un rilievo maggiore denominato Balza di Pezzalunga, nell'area di raccordo fra il massiccio delle Madonie e l'altopiano degli Erei. Il raccordo orografico fra Nebrodi ed Erei si riscontra invece, sempre nell'Altopiano di Gangi, me poco a nord del centro geografico, nel Piano di Comunello.

 

 

Omaggio dei Comuni delle Madonie al Patrono delle Polizie Municipali

E-mail 

p 0002Celebrati lunedì mattina a Gangi i festeggiamenti in onore di San Sebastiano il patrono delle polizie municipali d'Italia, alla presenza dei vigili urbani dei comuni di Alimena, Bompietro, Caltavuturo, castellana Sicula, Cefalù, Geraci Siculo, Lascari, Montemaggiore Belsito, Petralia Sottana, Petralia Soprana, Polizzi Generosa, Pollina, Resuttano, Sclafani Bagni, Sperlinga e Valledolmo.
E' stato il vescovo di Cefalù monsignor Vincenzo Manzella a celebrare la messa solenne con affianco padre Pino Vacca in una chiesa Madre gremita, a fare gli onori di casa, il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello e il comandante della polizia municipale Nicola Di Marco. Presenti il comandante della Guardia di Finanza di Petralia Soprana Giacomo Franchina, per il commissariato di Cefalù l'ispettore Gaetano Zaffiro, il comandante della Forestale di Petralia Sottana, Santo Paternò e il comandante della stazione dei carabinieri di Gangi, Angelo Monti.

vedi foto 2 - foto 3 - foto 4

RedazioneMartedì 21 Gennaio 2014

Articolo tratto da: http://www.madonielive.com/index.php/news/load/23784

 

 

Maurizio Artusi - Memorie e tradizioni a Gangi, un riuscito tuffo nel passato

E-mail 
artusichebeve160x121.jpg
Maurizio Artusi
 

La visita di Maurizio Artusi e l'articolo dell'evento completo in CucinArtusi.it

 

Memorie e tradizioni a Gangi, un riuscito tuffo nel passato

 

Avviso cessione Immobili Vetusti - Ultimo aggiornamento 11 luglio 2017

E-mail 

Avviso pubblico per l'assegnazione di immobili vetusti devoluti  gratuitamente dai proprietari per finalità turistico-ricettive o abitative.

(scarica allegati:schede fotografiche fabbricati aggiornate 11.07.2017 modulo acquisizione immobile - modulo cessione immobile)

Avviso pubblico per acquisizione disponibilità cessione immobili vetusti

 

  Per Info rivolgersi:

Sig.ra Ferrarelli M -telefono 0921644076 +1 +204

-  Sig.ra Paternò C. - telefono 0921644076 + 1 + 203

-  Sig.ra Saporito M. - telefono  0921644076 + 1 + 249

 e-mail : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


 
Pagina 1 di 3